Salute e preparazione alla danza

0
30

Libri e manuali per saperne di più

Con l’evoluzione umana anche le caratteristiche del ballo e dei ballerini sono cambiate nel tempo e in maniera diversa a seconda dei luoghi e delle usanze. La danza è stata però sempre associata all’uso del corpo accompagnato da ritmi, suoni e canti. Si tratta di una attività, sia essa professionale oppure puramente amatoriale, che richiede l’impiego dell’intelligenza motoria per la coordinazione degli arti e del movimento nello spazio (equilibrio, orientamento, concentrazione, controllo visivo e sensoriale), in rispetto di tempi musicali, successione di azioni corporee improvvisate oppure routines coreografiche prestabilite e memorizzate. D’altra parte il virtuosismo fisico necessita di apprendimento e di allenamento costante per acquisire tono muscolare, flessibilità ed equilibrio, ma anche per avere l’energia da impiegare alternando diverse intensità e velocità.

Fisico e mente sono quindi in continua e stretta relazione, legati fin dalla fase di immagazzinamento mnemonico, perché le esigenze artistiche e atletiche della danza coinvolgono tutti i diversi distretti muscolo-scheletrici-articolari e molteplici capacità cognitive che sono oggetto di svariati studi scientifici e pubblicazioni divulgative, basati su esperienze e analisi altamente approfondite.

Per diventare danzatori e danzatrici di alto livello servono non solo abilità fisiche e predisposizione particolare (talento), ma anche e soprattutto l’esercizio e lo sviluppo delle abilità cognitive e motorie utili per imparare ed eseguire sequenze coreografiche complesse, con una adeguata componente di espressività e interpretazione attiva. Tutto questo viene facilitato dalla guida di insegnanti e coreografi esperti, capaci di aiutare, correggere e quindi far migliorare – grazie alla loro competenza e all’applicazione e dedizione costante – il livello prestazionale e la qualità artistica ed emozionale che scaturiscono da forma fisica e doti psichiche. Gli studi hanno inoltre avvicinato e portato in campo altre figure professionali, quali operatori medici, nutrizionisti e psicologi, solo per citarne alcuni, con gran vantaggio non solo di chi danza per professione o per sport agonistico, ma anche per i praticanti a livello ludico-ricreativo o soggetti con diversa abilità, nonché per tutti gli aspetti informativi e pratici legati alla salute, in termini di prevenzione e terapeutici.

In questa rubrica di ConfederazioneItalianaDanza.org ospiteremo i contributi di esperti e, via via, verranno segnalati testi di riferimento per tutti gli interessati.

“Manuale di medicina della danza.
Traumi, errori tecnici e principi di riabilitazione del tersicoreo”
di Omar De Bartolomeo – Nonsolofitness (2021)

Il libro è dedicato soprattutto ai ballerini, alle giovani promesse della danza classica, agli insegnanti e ai coreografi. Vuole essere inoltre spunto di studio e riflessione per fisioterapisti, preparatori atletici e tecnici, per osteopati e personale sanitario che si sta avvicinando al mondo della danza. “En dehors, port de bras, developpe…rolling in, screwing, winging… sono termini che devono diventare di comune conoscenza, perché solo con un approccio multidisciplinare, la conoscenza del gesto tecnico-artistico e della necessità di correggere gli errori tecnici si può pensare di prevenire e curare le patologie del tersicoreo“. Il libro si articolare in cinque capitoli in cui è descritta l’anatomia applicata alla danza, le patologie acute e da over lavoro, gli errori tecnici e alcuni principi di rieducazione posturale e di correzione del gesto tecnico.

“Preparazione alla danza.
Allenamento specifico per esibirsi al meglio in qualunque forma di danza”
di Eric Franklin, traduzione di Maurizia Paolucci – Gremese Editore (2017)

Pioniere nel campo della visualizzazione finalizzata all’allenamento fisico, in questo manuale l’autore illustra come migliorare la tecnica e la performance di tutte le forme di danza. Stabilizzando e rinforzando il baricentro, affinando la coordinazione, l’equilibrio, l’allineamento e la scioltezza. Nel modo più efficace e con il minor sforzo possibile, il metodo – pensato per liberare il corpo e perfezionare i movimenti – permette a tutti i danzatori di ottenere: una maggiore elevazione nei salti, in modo più potente e senza tensioni; pliés più profondi; giri più precisi; un miglior en dehors; un’estensione più elastica delle gambe. Le tecniche di Franklin sono collaudate e perfezionate in tanti anni di ricerca e di applicazione pratica, aiutando moltissimi professionisti ad affinare e migliorare la preparazione fisico-mentale. In abbinamento ad una buona visualizzazione, qualunque lavoro muscolare risulta potenziato e al tempo stesso arricchito di espressività nella sua esecuzione. “Il volume è indirizzato sia ai ballerini classici sia a quelli moderni ed  è uno strumento didattico a disposizione dei maestri di danza e dei loro allievi (inclusi gli studenti dei licei coreutici), e un testo di riferimento per chiunque lavori nell’ambito dell’allenamento ideo-motorio”.

“Danza e salute.
Come prevenire e risolvere tutti gli stress fisici legati alla danza”
di Judith R. Peterson, traduzione di A.C. Pinello, illustrazioni di K. Rowland – Gremese Editore (2014)

Il corpo di qualunque danzatore è sottoposto a sforzi e stress notevoli. Ciò impone ai danzatori stessi, agli allievi e ai loro insegnanti, l’esigenza di conoscere i rischi fisici legati alla loro professione e di non sottovalutare i sintomi. Questo manuale pratico e scorrevole percorre un vero e proprio “giro” del corpo dalla testa ai piedi, fornendo un complesso d’informazioni indispensabili riguardo all’igiene, alla prevenzione delle lesioni e al trattamento dei comuni problemi di salute dei ballerini. Comprende consigli in materia di consapevolezza corporea e immagine di sé, disturbi alimentari e fratture da stress, e affronta altresì le patologie connesse all’en-dehors e i disturbi di ginocchia, piedi e dita dei piedi. Ogni capitolo è dedicato a una singola parte del corpo e si conclude con una sintesi immediata di cinque nozioni fondamentali, da tenere sempre presenti, e cinque esercizi di sicura efficacia.

“Scienza in danza.
Preparazione fisica e riabilitazione per danzatori”
di Romeo Cuturi – ATS Giacomo Catalani Editore (2020)

Il libro, basato sulle evidenze di ricerche scientifiche incentrate su danza e fisioterapia, propone contenuti innovativi e pratici di preparazione fisica, postura, riabilitazione e rieducazione tecnica per danzatori. Offre programmi dettagliati di lavoro ed esercizi costruiti con un percorso mirato dalla sala al palco. L’autore getta contribuisce così a gettare una nuova luce per osservare il danzatore da una nuova prospettiva, offrendo una “lettura scientifica del movimento specifico e una serie di soluzioni professionali per l’atleta danzatore. Un testo di assoluto riferimento per tutto il mondo della danza“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here